Il Blog di fd training team

web marketing per professionisti e micro imprese
11 Set 2017

Web Marketing per Professionisti e Micro Imprese: ma serve davvero?

Durante gli incontri inerenti alla mia attività di consulenza quando finalizzati alla costruzione di una strategia di marketing efficace, mi capita inevitabilmente di parlare di web marketing per professionisti e micro imprese e le domande che mi sento porre sono più o meno sempre le stesse… quanto devo investire per ottenere risultati? ma va bene anche per me/il mio business/i miei clienti…? ma cosa posso fare io?

In realtà sono tutte domande che ne sottintendono tre che sono quelle reali: ma funziona? riceverò richieste/contatti? mi serve davvero?

In tale contesto, pongo una serie di domande per capire se le attività che dovrebbe essere sviluppate in alternativa al web marketing come possibile fonte di nuovi contatti o nuovi clienti vengono o meno effettuate…

Qui non potendo interloquire con chi mi legge, vado dritto al punto!  

Professionisti, Consulenti, Artigiani o Imprenditori che guidano delle Micro Imprese fanno parte di quelle categorie che difficilmente sono in grado di acquisire nuovi clienti facendo, ad esempio, chiamate telefoniche a freddo.

Perché?

Perché se sei uno di questi, sai bene che non le sopporti quando le ricevi, non sai come farle per ottenere risultati e, soprattutto, non le vuoi fare!

Probabilmente non apprezzi nemmeno l’e-mail marketing…

Perché?

Perché ti infastidisce che persone cui non hai mai dato il permesso di farlo, invadano la tua casella di posta. Inoltre, sei anche convinto che la maggior parte delle persone cancellino le mail o non le leggano ed è anche probabile che tu non sappia come si potrebbe fare un attività di e-mail marketing vincente.

Forse hai anche provato personalmente o conosci comunque qualche professionista o imprenditore che ha investito un sacco di denaro per fare campagne pubblicitarie tramite Google AdWords o Facebook Ads senza ottenere alcun risultato: molto impegno, molti soldi, nessun contatto, zero nuovi clienti.

Bene, chiarito tutto questo, tu però hai bisogno di nuovi clienti, giusto? E magari, non hai un gran budget a disposizione, vero?

Quindi, cosa puoi fare? Quali soluzioni hai a disposizione? Ti va di partire da qui?

Ottimo, allora devi aver chiaro che, uno degli strumenti del Web Marketing per Professionisti e Micro Imprese che meglio coniugano la necessità di trovare nuovi clienti con la disponibilità di un budget molto basso (se non zero…), è certamente l’Inbound marketing.

L’Inbound marketing può fare anche al caso tuo perché, ad esempio, ti permette di essere trovato dai potenziali clienti in modo più naturale, rispetto all’aggressività ad esempio di un tuo banner pubblicitario che compare sul computer del tuo potenziale cliente.

Per farti riflettere sull’Inbound marketing ti propongo un semplice quesito: Chi sarebbe secondo te più propenso ad acquistare una casa tra, una persona che ha ricevuto un messaggio pubblicitario o una mail tipo “compra adesso questa casa!” ed una persona che ha cercato e trovato la casa per proprio conto usando Google?

Sappiamo entrambi qual è la risposta giusta… vero?

Quanto sopra, accade perchè è ormai scientificamente provato che, le persone che scelgono di entrare in contatto e interagire spontaneamente con un professionista, un consulente, un artigiano o una micro impresa, sono più propense ad acquistare i prodotti/servizi/soluzioni/realizzazioni dagli stessi offerti.

Interessante vero?

Se ritieni plausibile quanto sin qui visto insieme, dovresti iniziare ad aver chiaro perchè e come l’Inbound marketing può aiutarti a trovare nuovi clienti.

Ti segnalo allora, quattro elementi a budget quasi zero, in merito al web marketing per professionisti e micro imprese, su cui puoi sviluppare un’efficace attività di Inbound Marketing:

  1. SEO

La search engine optimization (S.E.O.) è il processo di indicizzazione e ottimizzazione dei contenuti del tuo sito web/blog che deve aiutarti ad ottenere posizionamenti organici (non a pagamento) nelle prime due pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Se hai un sito web o (ancor meglio) un Blog con contenuti interessanti e di qualità ottimizzati S.E.O., aiuterai Google ad identificarti correttamente. Quando questo accade, scali nel ranking delle posizioni e, se entri in prima pagina su una specifica ricerca, ecco che vieni trovato da tutti i tuoi potenziali clienti… “gratuitamente”. 

La SEO è quindi importante perchè, se i tuoi potenziali clienti non trovano te, purtroppo trovano i tuoi concorrenti…

Parlando di SEO, si citano cose come keywords (parole chiave), tags, meta descrizioni, link-building… e tutto questo potrebbe apparirti già molto complicato.

Non lo è poi così tanto ma… da dove ti conviene partire?

Inizia identificando le possibili chiavi di ricerca / parole chiave che potrebbe utilizzare il tuo potenziale cliente per trovare te, la tua impresa o i tuoi prodotti/servizi/soluzioni/realizzazioni.

Per arrivare sino a te, il tuo potenziale cliente cosa scrivere sulla barra di ricerca di Google?

Voglio essere chiaro… così ci capiamo bene…

Io non sono un guru della SEO, non sono un tecnico,… io sono un imprenditore che trova i propri clienti con l’Inbound marketing.T

Quindi per documentarti sui tecnicismi del caso, ammesso che tu voglia farlo, sappi che puoi trovare un sacco di risorse gratuite in rete per approfondire e migliorare il posizionamenti del tuo sito/blog.

  1. Content Marketing

Se tu inviti delle persone a cena a casa tua, immagino che vorresti servirgli dei piatti originali oltre che ottimi, giusto? Lo stesso dovresti fare con i visitatori del tuo sito o del tuo Blog.

Ora che li hai intercettati grazie alla SEO, devi fornire loro qualcosa di interessante, in altre parole, dei contenuti di grande valore.

Senza contenuti utili o in-formativi o differenzianti… non vi è alcuna possibilità di convertire un visitatore in un contatto o in un cliente!
I contenuti di valore possono essere erogati in molteplici forme ma fondamentalmente, devi aver chiaro come puoi aiutare il tuo visitatore a trovare risposta ad una domanda, a risolvere un problema o a soddisfare un desiderio.

La chiave del content marketing è che il contenuto da te offerto, riesca a differenziarsi dalla quantità enorme di informazioni che già circolano in rete. Il contenuto deve quindi essere di notevole valore per farsi apprezzare.

Per essere ancor più chiaro…

Non ti è sarà sufficiente creare solo dei contenuti, perchè il tuo contenuto deve in-formare, stimolare o intrattenere il visitatore affinchè agisca, facendo ciò che tu vorresti.

Sta accadendo per te in questo momento?

Il miglior strumento di cui puoi dotarti per veicolare contenuti di valore è certamente un blog. Avere un blog interessante è uno dei modi più efficaci per ottenere nuovi contatti e far crescere la tua attività.

I contenuti di valore possono aiutarti ad intercettare nuovi visitatori, a far tornare vecchi visitatori ed a convincere i contatti “più caldi” ad acquistare i tuoi prodotti/soluzioni o ad usufruire dei tuoi servizi o a richiedere le tue realizzazioni.

Pensa al blog come ad un luogo di ritrovo dove puoi tenere in-formati i tuoi potenziali clienti e mostrar loro la tua competenza o la tua esperienza.

Ad esempio, grazie a questo contenuto o al mio blog “Leader della Vendita“, posso rappresentarti nel modo migliore, per quanto mi riguarda, proprio quest’ultimo elemento.

Ci sei?

Personalmente, mi preoccupo di fornire contenuti interessanti e di valore ai miei potenziali clienti anche attraverso Linkedin Pulse o scrivendo su Impresa In Corso. [/box]

Come noterai, puoi anche creare guide, e-book, video e altri contenuti scaricabili/visionabili gratuitamente.

Questo aiuta me, e potrebbe aiutare te, a “nutrire” i tuoi contatti per far si che, quando saranno pronti per acquistare prodotti/servizi/soluzioni come quelli che tu proponi, saranno disponibili a valutarti con grande attenzione, oppure, ti avranno già posizionato in cima alle loro preferenze.

Per aumentare il livello di fiducia nei tuoi confronti, altro elemento chiave per la “conversione” di un visitatore in un contatto o cliente, puoi raccogliere e mostrare testimonianze positive dei tuoi clienti o rappresentare casi di studio/casi di successo che siano interessanti per i tuoi potenziali clienti.

[ Scarica Subito l’e-book gratuito: “5 step per creare un Efficace Sistema di Web Marketing” ]

  1. Social Media

Dopo che hai catturato il visitatore grazie al posizionamento SEO e che hai prodotto contenuti di valore, puoi finalmente rilassarti aspettando che i tuoi potenziali clienti ti contattino?

Ovviamente te lo auguro, ma se fossi in te promuoverei e condividerei tutto quello che hai creato attraverso i “giusti”social perchè la creazione del contenuto di valore è solo un pezzo del puzzle.

I social media entrano quindi in gioco per aiutarti a raggiungere con maggiori probabilità chi si è già interessato a te concedendoti il contatto o seguendoti su una tua fan page.

So cosa potresti pensare in questo momento ma, che tu ci creda o meno, ti dico una cosa… tutti i tuoi potenziali clienti stanno già spendendo una parte significativa del loro tempo sui social.

Alcuni sono su Facebook, altri su Twitter, LinkedIn, YouTube, Instagram,… probabilmente, sono presenti su più social.

Identificare quindi quali social sono più rilevanti e utilizzati dai tuoi potenziali clienti è quindi fondamentale perché da questo dovrebbero dipendere la tua presenza e il tuo impegno su tali social. Questo solo per dirti che, se sei un Professionista o un Imprenditore non dovresti passare del tempo sui social per puro “cazzeggio” né avere una deludente fan page su facebook o company page su linkedin su cui posti ogni 6 mesi…

  1. Landing Page

Parliamo della pagina di conversione, cioè della pagina (o delle pagine) dove dovrebbe arrivare il tuo potenziale cliente-visitatore per essere “convertito” in contatto o cliente. Questo e quindi l’ultimo ma fondamentale elemento su cui devi porre massima attenzione.

Che si tratti di una pagina dedicata a un prodotto, a un servizio o ad una soluzione/realizzazione… che porti a compilare un form dati, a scaricare un contenuto o ad acquistare un prodotto/servizio, è necessario che questa sia una pagina costruita in modo minuzioso e impeccabile.

Se così non è, rischi di rendere vano tutto il lavoro svolto nei 3 precedenti passaggi.

Questi i fattori chiave di cui devi tener conto:

  • Pertinenza

È necessario che la pagina di conversione sia pertinente con i motivi per cui hai richiesto al potenziale cliente di visitarla.

Per semplificare, tu cosa penseresti se scrivendo su Google “auto usate” e cliccando su un link che ti appare come “Le migliori auto usate”, ti ritrovassi su una pagina di destinazione che vende pezzi di ricambio usati?

Nel semplificare ho comunque chiarito il concetto?

  • Focus

Devi definire qual è la call to action della tua landing page. Può essere: “iscriviti alla newsletter” oppure “Scarica questo e-book gratuito” oppure “Lascia qui i tuoi dati e sarai ricontattato”. Ogni pagina di conversione deve avere un unico obiettivo.

Evita quindi, se non assolutamente necessario o particolarmente utile, di inserire eventuali link ad altre pagine o offrire più possibilità di “uscita”.

Devi guidare il potenziale cliente a fare un’unica azione, quello che vuoi che lui faccia!

  • Layout

La struttura, la grafica e il contenuto di una pagina di conversione è molto importante perché oltre a guidare il visitatore, devi costantemente interessarlo ed impegnarlo sino a che non raggiungi l’obiettivo. L’utilizzo di video o immagini può aiutare, così come le testimonianze.

Come fai capire se una landing page è efficace?

Semplice, lo è se converte, ovvero, se ottieni il risultato desiderato!

Quindi devi testare, modificare e ancora ri-testare e ri-modificare sino a che non ottieni un soddisfacente tasso di conversione.

Web marketing per professionisti e micro imprese: Ma quindi niente pubblicità? Neanche una campagna su google adwords o facebook ads? 

No, niente denaro o traffico a pagamento sino a che il tuo sito web/blog non soddisfa i primi 4 elementi, poi…

La ricerca di visitatori a pagamento può fare ovviamente parte di una buona strategia di web marketing per professionisti e micro imprese a patto che tu sia in grado di identificare dagli strumenti in grado di intercettare il tuo cliente target.

Gli annunci sulla rete di ricerca di Google sono certamente tra questi, perché le ricerche effettuate attraverso una determinata frase o domanda (partendo dalle parole chiave) dal tuo potenziale cliente determinano un suo preciso intento. Puoi ottenere risultati anche con Facebook Ads effettuando campagne su un determinato tipo di professioni o di specifici interessi.

Nel secondo caso in particolare, per ottenere risultati, dovrai far uso di quello che viene definito “Remarketing” o “Retargeting”. E’ un amabile “stalker” del navigatore web 🙂 In pratica, una volta che hai visitato una pagina cliccando su un annuncio a pagamento, continuerai a essere perseguitato da quello stesso annuncio.

Hai presente? Ti è mai capitato? 

Perché dovresti usarlo? Perché l’obiettivo è far tornare più volte il tuo potenziale cliente su una determinata pagina di conversione.

Per quale motivo?

Il motivo principale è che sono davvero pochi i visitatori che “agiscono” alla prima visita. Quindi che tu voglia fargli scaricare qualcosa o che tu voglia fargli lasciare i suoi dati, devi mettere in conto che potrebbe essere necessario far tornare il tuo potenziale cliente più volte sulla pagina di conversione.

Tutto chiaro?

In questo caso avrei a che fare con ulteriori costi: cosa posso fare affinchè sia efficace, investendo il meno possibile?

Anzitutto, ti sconsiglio vivamente di fare campagne di remarketing per “inseguire” chiunque abbia visitato genericamente il tuo sito o il tuo blog. Imposta la campagna per mostrare nuovamente il tuo messaggio solo ai visitatori che sono già stati su una determinata pagina (post di un blog o landing page ad esempio), per riportarli sulla stessa identica pagina per indurli ad agire.

Conclusioni

Direi che abbiamo spiegato perchè uno degli strumenti del Web Marketing per Professionisti e Micro Imprese che meglio coniuga la necessità di trovare nuovi clienti con un investimento che sia il più basso possibile, è l’Inbound marketing.

Abbiamo anche chiarito che potresti anche investire in advertising ma che non dovresti mai farlo se puoi ottenere dei buoni posizionamenti organicamente.

In ogni caso, se decidi di pagare, abbiamo dettagliato perchè il tuo potenziale cliente deve “atterrare” su un contenuto molto interessante, utile e di valore o su una landing page efficace. Perchè in caso contrario, spenderesti inutilmente il tuo denaro.

Quindi come chiudiamo?

Se sei un Professionista o un Imprenditore a capo di una  Micro Impresa, cerca sempre e anzitutto di ottenere un posizionamento organico attraverso i 4 passaggi che abbiamo ben descritto e solo nel caso in cui questo non bastassepuoi valutare se, quando e con che budget ricorrere agli strumenti a pagamento.

Se vuoi documentarti maggiormente su tutte le tematiche inerenti al web marketing per professionisti e micro imprese, clicca qui >>

Fabrizio Diluca

Fabrizio Diluca Linkedin  Fabrizio Diluca Twitter  facebook-fabrizio-diluca